Loading

Società e politica

Le malattie da demenza rappresentano una delle maggiori sfide sociali e politico-sanitarie per il nostro Paese. Oggi in Svizzera vivono all’incirca 144 000 persone affette dall’Alzheimer o da un’altra forma di demenza. Nei prossimi decenni l’invecchiamento della popolazione farà aumentare sensibilmente il numero dei malati di Alzheimer che nel 2040 toccherà 300 000 circa.

 

Il 50% dei malati di Alzheimer vivono a casa e sono assistiti dai loro familiari, spesso fino allo stremo delle forze. Non di rado capita che i familiari curanti finiscano per ammalarsi. L’assistenza quotidiana ai malati di demenza è garantita da 430 000 familiari circa e da altrettanti infermieri professionisti.

 

Oggi in Svizzera a meno della metà dei malati è stata formalmente diagnosticata la malattia di Alzheimer. Tante persone con i sintomi della malattia esitano a consultare un medico o non vengono sottoposti ad accertamenti sufficientemente accurati. Eppure, solo dopo la formulazione di una diagnosi è possibile istituire una terapia adeguata, offrire consulenza e sostegno, e pianificare il da farsi. È dunque assolutamente necessario promuovere il depistaggio precoce della malattia!

 

Spesso i malati di Alzheimer e i loro familiari non sono sufficientemente informati sulle terapie farmacologiche e non farmacologiche e non sanno come gestire la malattia nella vita quotidiana. In un sondaggio Alzheimer Svizzera ha rilevato inoltre un’enorme penuria di posti nei centri diurni che si occupano specificamente di malati di demenza. Per assicurare la migliore convivenza possibile con l’Alzheimer, è necessario che subito dopo la diagnosi i malati e i loro familiari curanti ricevano un’informazione e un sostegno di gran lunga migliori.

 

Già oggi le malattie da demenza generano costi sociali per sette miliardi di franchi circa. Quasi la metà dei malati di Alzheimer è assistita e curata gratuitamente dai propri familiari. Se però in futuro i familiari potranno assumersi meno compiti assistenziali (a causa dei cambiamenti nella struttura delle famiglie, della distanza che separa i familiari, del fatto che le donne esercitano una professione ecc.), si dovrà fare i conti con spese sanitarie più elevate.

 

C'è dunque ancora molto da fare sul fronte della demenza. Alzheimer Svizzera si appella alla società e al mondo politico affinché si confrontino con questa problematica. Qui trovate anche:

 

- Numero dei malati di Alzheimer in Svizzera e nel mondo
- Il manifesto “Priorità Alzheimer”
- Attività politiche
- Pareri su temi importanti  

 

 

Fonte: Statistica della popolazione 2015 dell'Ufficio federale di statistica (UFS), tassi di prevalenza europei (Alzheimer Europe). 

 

 

Marzo 2017