Come riconosco l'Alzheimer?

Che cos'è un semplice vuoto di memoria occasionale e quali sono invece i sintomi di una demenza? 

 

continua

Dopo la diagnosi:
cosa fare?

La diagnosi conferma ciò che forse vi eravate già immaginati. La vostra vita cambierà, ma resterà dignitosa.

 

continua

tl_files/Infothek/bilder andere/donazione_button.jpg

Loading
Beratungstelefon
ATTUALITÀ
30 ottobre 2018

I familiari curanti si meritano maggior apprezzamento e sostegno

Oggi è la Giornata dei familiari curanti: quindi è giunto il momento di richiamare l’attenzione sul prezioso lavoro svolto da molti familiari di persone affette da demenza. Costoro dimostrano spesso uno straordinario impegno nel prestare cure e assistenza ai propri cari, troppo spesso sottovalutato dalla società. Talvolta neanche loro stessi sono consapevoli dello straordinario lavoro che svolgono. Un GRAZIE di cuore, dunque, a tutti coloro che si impegnano in favore delle persone affette da demenza, fornendo un irrinunciabile contributo a tutta la società. Non dimenticatevi di voi stessi e informatevi presso Alzheimer Svizzera sulle offerte di presa a carico disponibili
 

 

Le persone affette da demenza beneficiano ora di un’ampia consulenza legale


Grazie all’accordo con Inclusion Handicap, l’organizzazione mantello delle organizzazioni per le persone disabili in Svizzera, Alzheimer Svizzera offre ora a coloro che sono affetti da demenza un’ampia consulenza e rappresentanza legale in tedesco, francese e italiano. Inclusion Handicap fornisce consulenza sul diritto in materia di assicurazioni sociali e aiuta a risolvere i problemi legati al diritto del lavoro. Inoltre, le persone interessate ricevono informazioni utili sulle questioni relative alla parità, come il diritto all’uguaglianza per i disabili.

Le informazioni fornite per telefono o e-mail sono gratuite. Solo se assume un mandato o esamina le possibilità di successo di un’azione legale, Handicap Inclusion addebita un forfait di 150 franchi.

 

Nuovo: Vacanze per per i giovani malati

Posti liberi per le vacanze in Ticino dal 12 al 15 aprile. Ulteriori informazioni ed iscrizione quì.

 

 

Una visione di Alzheimer Svizzera

Coinvolgere attivamente le persone affette da demenza

La nostra visione consiste a fondare un gruppo di lavoro costituito da persone affette da demenza in Svizzera. Accompagnerà il nostro lavoro come autorità consulente centrale e baderà a garantire che le sue necessità e richieste siano considerate in modo ottimale.

 

Le interessa partecipare a questo gruppo di lavoro? Oppure conosce una persona affetta da demenza che vorrebbe partecipare? Allora si annunci presso Marianne Wolfensberger per e-mail o allo 058 058 80 32.

 

Ci aiuti a fare di questa visione una realtà – ci rallegriamo del suo contributo!

 

Alzheimer: perché proprio a me?

Spesso soddisfatta e felice nonostante l’Alzheimer

tl_files/Infothek/bilder andere/IMG_9358.jpg

Micheline Hofer aveva 68 anni quando le fu diagnosticato l’Alzheimer. Si era accorta che dimenticava gli appuntamenti. Poiché sua zia era affetta da Alzheimer, voleva essere certa di non soffrirne anche lei e si fece visitare da un neurologo. La prima diagnosi fu negativa. Ma lei notava che il suo stato peggiorava. La seconda visita cui si sottopose un anno dopo confermò invece i suoi sospetti. E da allora Micheline Hofer iniziò a scrivere le sue memorie.

 

leggi il racconto di Micheline Hofer

 

 

Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica Aderiamo allo standard HONcode per l'affidabilità dell'informazione medica.
Verifica qui.